Markato

Markato venne costruito durante il dominio britannico dell’isola nel 1834, come testimonia l’insegna. Doveva essere usato come mercato delle pulci, ma veniva utilizzato principalmente come mercato della carne, del pesce e di verdure. Gli abitanti del paese portavano la loro merce al mercato della capitale dell’isola per venderla. I macellai erano soliti tagliare qui la carne e anche i pescatori di Kapsali vendevano il loro pesce. Nella zona circostante gli agricoltori vendevano frutta e verdura. La maggior parte proveniva dalle terre fertili vicino ai villaggi di Mitata, Viaradika e Kalamos.

La costruzione di Markato fu successivamente estesa verso ovest. L’edificio e l’area circostante vennero utilizzati fino agli anni ’70. In seguito, Markato venne consegnato alla Banca Agricola greca, dopo una proposta del presidente della banca, il professor Adamantios Pepelasis, che prevedeva di ristrutturarlo e trasformarlo in un centro culturale. Ciò faceva parte di un programma più ampio della Banca Agricola greca, che voleva trasformare le sue filiali, soprattutto quelle che si trovavano in aree più piccole, in centri di attività di finanziamento, cultura e istruzione. Tutto questo con l’idea che lo sviluppo economico delle zone rurali aumenti con lo sviluppo culturale e il miglioramento del livello educativo dei suoi abitanti. La gestione dell’edificio è stata poi restituita all’ex comune di Kythira che l’ha adibito a centro culturale per tenere esposizioni.

Leave your comment
Click to access the login or register cheese